Filastrocche dialettali
FILASTROCCHE .ORG
HOME PAGE
FILASTROC. DIALETTALI
INDOVINELLI
CONTE
SCIOGLILINGUE
NINNE NANNE
NINNE NANNE DIALETTALI
CANZONI POPOLARI
GIROTONDO
Filastrocche dialettali

La ville de Philippsbourg (Valle d'Aosta)
Noble ville de Philippsbourg l’on vient annoncer en ce jour qu’au roi de France il faut te rendre! Au moins ne te fais pas prier, car tu n’ pourras plus rèsister.
Je ne crains pas vos violons ni mèm’ les bomb’ de vos canons, car j’ai ma garnison fidèle, des beaux canons sur les remparts qui ronfleront de chaque part.
Oh, venez donc tous en ce jour ouir la chanson de Philippsbourg! C’est Michelin qui la fit faire, il vous la chante à bon marchè, c’est pour boire à votre santè.
(Traduzione)
Nobile città di Filisburgo, si annuncia in questo giorno che devi arrenderti al re di Francia! Almeno non farti pregare, perché non potrai resistere oltre. Io non temo le vostre prigioni né le bombe dei vostri cannoni, perché ho la mia guarnigione fedele, e bei cannoni sui bastioni che romberanno da ogni parte.
Oh, venite dunque tutti in questo giorno ad ascoltare la canzone di Filisburgo! E Michelin che la fece comporre, ve la canta a buon mercato, è per bere alla vostra salute.

Trot trot cavalot (Piemonte)
Tro, trot, cavalot va a Nuarà a tò al fagot va a Nuara a tò la bria taca sut ch’induma via.
(Traduzione)
Trotta, trotta cavallo và a Novara a prendere il fagotto và a Novara a prendere la briglia attacca sotto che andiamo via.

I tre fioli (Piemonte)
Suta la porta da Milan
Suta la porta da Turtuna i pistevan l’erba bruna. L'erba bruna l’è già pistà, ghè tre fioli da maridà.
(Traduzione)
Sotto la porta di Milano, sotto la porta di Tortona pestavano l’erba bruna. L’erba bruna è già pestata ci sono tre figlie da maritare.

I angiul (Piemonte)
Mi accuccio in da stu let cun cinc angiul benedet: tri ai pe, du ai cusin l’angiul custode as cucia lì visin.
San Giuan, San Marc, San Luca e San Mattè as cucian ai me pe.
Acqua santa che mi bagna, Spinit Sant che m’accompagna, bruta bestia, va via da lì, Spirit Sant vegna cum mi.
(Traduzione)
Mi accuccio in questo letto con cinque angeli benedetti: tre ai piedi, due ai cuscini l’angelo custode si accuccia lì vicino.
Il San Giovanni, San Marco, San Luca e San Matteo si accucciano ai miei piedi. Acqua santa che mi bagna, Spirito Santo che m'accompagna, brutta bestia, va via da lì, Spirito Santo vieni con me.

Maestra cencia (Lombardia)
L’oggi è l’ultim dì, doman ghe la partensa; addio maestra cencia, a scola vegni pu.
Si vegni ancura a scola, i vegni cul pastun; addio maestra cencia, a scola vegni pu.
(Traduzione)
Oggi è l'ultimo giorno, domani c'è la partenza; addio maestrea stracciona, a scuola non vengo più. Se vengo ancora a scuola, ci vengo col bastone; addio maestra stracciona, a scuola non vengo più.

Serafin, sa fe sù lì? (Lombardia)
Serafin aveva un sifulo sifulava tanto bene che quand ca lera nivulo, che quand ca l’era nivulo...
Serafin aveva un sifulo, sifulava tanto bene che quand ca l’era nivulo faceva venir seren.
“Oi, Serafin, sa fe sù lì?”
“Sa fu?”, “Sa fe?”, “Sifuli!”
“Oi, Serafin, sa fe sù lì?”
“Sa fu?”, “Sa fe?”, “Sifuli!”
“Oi, Serafin, sa fe sù lì?”
“Sa fu?”, “Sa fe?”, “Sifuli!”
“Oi Serafin! Oi Serafin!
Sifularù anca mi!”
(Traduzione)
Serafino aveva uno zufolo, zufolava tanto bene che quando (il cielo) era nuvoloso faceva venire il sereno. “Oi, Serafino, cosa fai lassù” “Cosa faccio?” “Cosa fai?” “Zufolo!” “Oi, Serafino! Oi, Serafino! Zufolerò anch'io!".

Filiastrocca ligure (Liguria)
E s’a cianze a l’ha ragiun, perché a l’è vegia, perché a l’è vegia. E s’a cianze a l’ha ragiun, perché a l’è vegia e a nu g’ha ciù bun!
(Traduzione)
E se piange ha ragione, perche è vecchia, perche è vecchia. E se piange ha ragione, perché è vecchia e non ha più i suoi diritti!

Al canto del cucù (Friuli Venezia Giulia)
L’inverno xè passado, april no torna più e magio xè tornado al canto del cucù. Cucù, cucù, april no torna più e magio xè tornado al canto del cucù.
La bella a la finestra la varda su e giù, la speta el fidanzato al canto del cucù. Cucù, cucù, la varda su e giù, la speta el fidanzato al canto del cucù.
(Traduzione)
L’inverno è passato, aprile non torna più e maggio è tornato al canto del cucù. La bella alla finestra guarda su e giù, aspetta il fidanzato al canto del cucù.

La me nòna (Trentino)
La me nòna l'è vecchiarèlla la me fa ciau la me dìs ciau, la me fa ciau ciau ciau, la me manda la funtanèla a tor l’aqua per desinar.
Funtanèla mi no ghe vago perche’ l’aqua la me pol bagnar. Ti darò cincento scudi perchè l’aqua la te pol bagnar.
Cincento scudi l’è assai denaro perché l’aqua la me pol bagnar. Alor corro a la funtanèla a tor l’aqua per desinar.
(Traduzione)
La mia nonna è vecchierella mi fa ciao, mi dice ciao, mi fa ciao, ciao, ciao, e mi manda alla fontanella a prendere l’acqua per il desinare. Alla fontanella io non ci vado, perchà l'acqua mi può bagnare.
Ti darò cinquecento scudi perchè l’acqua ti può bagnare. Cinquecento scudi sono tanti perché l’acqua ti può bagnare. Allora corro alla fontanella a prendere l’acqua per il desinare.

Gennaio (Veneto)
El giorno de San Bovo i giorni j è slongadi un passo delovo, a Sant’Antonio un passo de demonio, a San Bastian te gh’è un’ora in man, da la Ceriola i giorni s’è slongà d’un’ora.
(Traduzione)
Il giorno di San Bovo i giorni si sono allungati di un passo d’uovo, a Sant’Antonio un passo di demonio, a San Bastiano tu hai un’ora in mano, dalla Candelora i giorni si allungano di un’ora.

Sera la porta (Emilia Romagna)
Ida, Ida, sera la porta che to meder l’è meza morta, che to peder l’è andè in parsòn per un sach ed furmintòn.
(Traduzione)
Ida, Ida, chiudi la porta, che tua madre e mezza morta, che tuo padre è andato in prigione per un sacco di frumentone.

Lozla lozla (Emilia Romagna)
Lozla lozla, vien de bas, ca gh’è ‘l pan in veta a l’as, s’a gh’avanza un poch d' farèina in frèin 'na mistuchena.
(Traduzione)
Lucciola, lucciola, vieni giù, che c'è il pane sopra all'asse, se avanza un poco di farina ne faremo una schiacciatina.

Mentre Maria (Umbria)
Mentre Maria stava a casa e non sapìa passa la gente che je lo dicìa. Un angelo del cielo je lo desse allora matre Maria se lo cresse e subito se mese pè la via, scarsa, piagnenno e senza compagnia. Tutta la treccia bionda buttò via, la strada de capelli aricopria.
(Traduzione)
Mentre Maria stava a casa e non sapeva, passava la gente che glielo diceva. Un angelo del cielo glielo disse, allora madre Maria lo credette e subito si mise in cammino scalza, piangendo e senza compagnia. Tutta la treccia bionda butta via, e di capelli la strada ricoprì.

Le tre ragazze (Marche)
Erano tre ragazze, etutte tre d’amor; Ninetta la più bella se mise a navigà. Dal navigà che fece, l’anello je cascò; alzando gli occhi al cielo lo vide un pescator.
“O pescator dell’onde, vieni a pescà più qua; me se perso l’anello, nol posso arritrovà”.
“Se io ve l’arritrovo cosa me regali’?” “Cento zecchini d’oro, na borsa ricamà”.
“Non vò zecchini d’oro, nè borsa ricamà; solo ‘n pensier d’amore se tu me lo vuoi da”.
“Dopo che m’hì sposato, ndove mi porterai?” “Lassù quel monticello, ndove che spunta ‘l sol.
Te farò fà ‘n palazzo de trentasei cantò’, lo vò fà pitturare da trentasei pintor; te farò fà na veste de trentasei color, la vojo fà tajare da trentasei sartor”.

Luccioia lucciola (Toscana)
Lucciola lucciola vien da me, ti darò del pan da tre e del pane da cinquina, lucciola lucciola birichina.
Lucciola lucciola vien da me, ti darò letto da re e lenzuola da regina, lucciola lucciola malandrina.

Miraladondondella (Lazio)
Uno! La mia bella se veste de bruno perché er bianco nù lo vò portà! Miraladondondella, miralandondondà!
Due! La mia bella se magna l'ua, er pizzutello nù lo vò magnà! Miraladondondella, miralandondondà!
Tre! La mia bella è più bella de te, si nun ce credi, viella a vedè! Miraladondondella, miralandondondà!
Quattro! La mia bella gioca cor gatto, cor cangolo nun ce vò giocà! Miraladondondella, miralandondondà!
Cincque! La mia bella se fa dipinge, se fa dipinge e ritrattà! Miraladondondella, miralandondondà!
Sei! Ar giardino te porterei, ar giardino a passeggià! Miraladondondella, miralandondondà!
Sette! E' finita la canzoncina, chi sta in camera e chi in cucina, chi sta a letto a riposa! Miraladondondella, miralandondondà!

Cicerenella (Campania)
Cicerenella teneva 'nu gallo tutt'a notte nce ieva a cavallo. E nce ieva tantu bello, chist è 'o gallo ‘e Cicerenella.
Cicerenella teneva 'nu ciuccio, ieva venenno torze e cappucce. E benneva tanto bello, chest’ è 'o ciuccio ‘e Cicerenella.
Cicerenella teneva 'na votta, metteva ‘coppa e asceva ‘a sotta. E asceva tantu bello, chest’ è ‘a votta ‘e Cicerenella.
(Traduzione)
Cicerenella aveva un gallo, tutta la notte andava a cavallo. E ci andava tanto bene, questo è il gallo di Cicerenella.
Cicerenella aveva un asino, andava in giro vendendo broccoil e cavoli cappucci. E vendeva tanto bene, questo è l’asino di Cicerenella.
Cicerenella aveva una botte, (il Vino che lei ci) metteva di sopra, usciva di sotto. E usciva tanto bene, questa è la botte di Cicerenella. Cicerenella mia...

Pizzi pizzi strangulizzi (Puglia)
Pizzi pizzi strangulizzi, la Maria facia lu pane, tutte le musche lu spurcane, lu spurcane a quattro a quattro, lu fischiettu l’ha ruttu lu piattu, me l’ha ruttu finu finu lu fischiettu malandrinu!
(Traduzione)
Pizzi pizzi strangulizzi, la Maria faceva il pane, tutte le mosche lo sporcarono, lo sporcarono a quattro a quattro, il fischietto ha rotto il piatto, me l’ha rotto a piccoli pezzi il fischietto malandrino!

Temb’antiche (Basilicata)
Temb’ antiche ‘nu cristiane dritt giele se n’abbiave, a San Bietre gne parlave propriamente d'accuscì: “Tulilem blem bem, tulilem blem bem, tulilem blem blì!”
(Traduzione)
Nei tempi antichi un cristiano dritto in cielo se ne andava, a San Pietro parlava proprio così: Tulilem blem blem, tulilem blem blem, tulilem blem blì!”

Mi pizzica (Sicilia)
Mi pizzica, mi muzzica, mi pizzica lu peri, chiamatimi, chiamatimi, chiamatimi lu varveri!
Mi pizzica, mi muzzica, mi pizzica, chi duluri! Chiamatimi, chiamatimi, chiamatimi lu dutturi!
Mi pizzica, mi muzzica, mi pizzica la manu, chiamatimi, chiamatimi, chiamatimi ‘u sacrestanu!
(Traduzione)
Mi pizzica, mi morde, mi pizzica il piede, chiamatemi, chiamatemi, chiamatemi il barbiere.
Mi pizzica, mi morde, mi pizzica, che dolore! Chiamatemi, chiamatemi, / chiamatemi il dottore!
Mi pizzica, mi morde, mi pizzica la mano, chiamatemi, chiamatemi, / chiamatemi il sacrestano!

De sa turr’ ‘e su forti (Sardegna)
De sa turr’ ‘e su forti si bidi Barberia, dongu sa bona notti e sa picciocca mia.
Arrescottu, arrescottu, arrescottu saliu. So soli chi dd’ a cottu a su piccioccu miu.
Piricoccu luxenti bendint in Biddanoa po fai crepai sa genti. Beni, sezzidi in coa!
Su muccadori ‘e Olanda, ddu spràxiu in sa cadira, si mi blis, domanda, non passis, mira mira!
(Traduzione)
Dalla torre del forte si vede Barberia, do la buona notte alla ragazza mia... Ricotta, ricotta, ricotta salata. E il sole che ha cotto il mio ragazzo...
Albicocche lucenti si vedono a Villanova per fare crepare d’invidia la gente.
Vieni, siediti sulle mie ginocchia! Il fazzoletto d’Olanda lo stendo sulla sedia, se mi vuoi, chiedilo, non passare guardando!

Passa l’acedu (Calabria)
Passa l'acedu e pizzica la rosa, e la rosa sì fa cchiù sapurita: passa lu ventu e nci parra a la rosa, ccu la parola nci crisci la vita. Jeu passu e non ti dicu nuda cosa: guardu la tua finestra culurita. Se jeu sugnu l’acedu e tu la rosa, pigghiati lu mè sangu e la mè vita.
(Traduzione)
Passa l’uccello e pizzica la rosa, e la rosa diventa più saporita: passa il vento e parla alla rosa, con la parola cresce la vita. Io passo e non ti dico nulla: guardo la tua finestra colorita. Se io sono l'uccello e tu la rosa, prenditi il mio sangue e la mia vita.




Filastrocche.org vietata la copia parziale e totale